dott. Sandro Canossa Lifting Facciale

 

Con questo parola è uso comune pensare ad un intervento estremamente pesante, in grado di sconvolgere completamente la morfologia di un volto.

Oggi con le nuove metodiche disponibili, questo concetto è stato decisamente modificato. Non si eseguono più lifting che necessitano di tempi di recupero lunghissimi con conseguente disappunto dei pazienti, ma si cerca di ridare tono e compattezza, ad un volto segnato dal tempo, attraverso un approccio molto più dolce.

Questo intervento può essere eseguito a diversi livelli, a seconda della regione del volto che si vuole ringiovanire. Potremmo così parlare di:
     
Il Lifting Invisibile:
Il lifting invisibile è fondamentalmente un lifting di sospensione, ovvero un rialzamento, riposizionamento del volto successivo al cedimento causato dal tempo, mediante l’utilizzo di fili.
Questa metodica nasce tanti anni fa (1966) da un idea del Dott. René Guillemail che per primo sperimentò la metodica attraverso l’inserimento di fili a rialzare porzioni del volto cedute.

Successivamente l’utilizzo di altre metodiche di sospensione trovarono nuovi adepti (fili “aptos” etc.), fino ad arrivare ad una rivisitazione della metodica attraverso strumenti meno traumatizzanti.

Questa metodica, fondamentalmente rivoluzionaria per ciò che concerne il lifting del volto,è stata progressivamente modificata a seconda delle idee e delle esigenze che i vari chirurghi hanno incontrato nel tempo.
 
La durata dell’intervento varia dai 60 ai 90 minuti e consiste in una o due piccole incisioni di circa un centimetro nel cuoio capelluto (ovviamente senza tagliare i capelli!). Attraverso questa incisione si fa passare, in direzione dei vari punti che si devono agganciare per lo stiramento, un particolare strumento che porta nella sua parte terminale un filo e lo si fa uscire circa un centimetro più in basso del punto prestabilito. Successivamente attraverso il microscopico foro di uscita si fa ripassare lo strumento in direzione opposta, agganciando a seconda delle esigenze il piano sottocutaneo, muscolare o entrambi riportando il filo verso l’ originaria incisione nel cuoio capelluto.
A questo punto a livello dell’ incisione viena fissato uno dei due capi del filo sul periostio (punto di ancoraggio fisso) e si provvederà alla formazione del nodo con il restante capo. A seconda del grado di trazione del nodo otterremo un maggiore o minore sollevamento del punto e dell’area da risollevare.

Questa metodica potrà essere ripetuta a seconda delle porzioni anatomiche che vogliamo risollevare:
1- REGIONE ZIGOMATICA (per il terzo medio del volto)
2- ARCATA SOPRACILIARE (per il terzo superiore del volto)
3- ANGOLO MANDIBOLARE (per il terzo inferiore del volto)
A termine si suturerà la piccola incisione sul cuoio capelluto senza lasciarne altre sul volto
Questo intervento può anche essere combinato con la escissione di una piccola losanga di cute nella regione antistante l’orecchio o con un riempimento di grasso mediante il lipofilling.
La tecnica si esegue in anestesia locale pura o mediante l’ausilio di una blanda sedazione.

I vantaggi di questo tipo di lifting sono molteplici:
1- tempo operatorio contenuto
2- assenza di tagli e scollamenti nel volto
3- assenza di ematomi o ecchimosi
4- tempo di recupero immediato
5- nessun rischio per le strutture anatomiche
6- durata ottimale
7- ripetibile senza alcuna controindicazione
8- costo contenuto

La risultante di questi vantaggi pone questa metodica ai vertici delle tecniche elettive per il ringiovanimento del volto e per l’innalzamento dell’arcata sopraciliare e della parte esterna dell’occhio.

Mannequin Lifting:
Questo intervento prevede il riposizionamento della parte superiore del volto, con conseguente rialzamento dello zigomo e allungamento dell'occhio. L'incisione verrà eseguita tra i capelli a livello della arcata temporale.

Lifting Laterale:

Prevede lo stiramento e/o riposizionamento della pelle a livello medio del volto, ottenendo così il sollevamento dello zigomo, una diminuzione della profondità dei solchi naso-labiali e il rialzamento dell'angolo della bocca. In questo caso, l'incisione parte dalla regione sovrauricolare internamente ed esternamente all'orecchio.

Neck Lift:  

In questo caso la zona da migliorare è quella della parte inferiore del volto, onde ridurre le briglie sotto il mento e tutta la flaccidità del collo. Le incisioni seguiranno un arco a partire dalla piega retrouricolare, nei capelli a livello della nuca.

Crown Lift:
Per ottenere l'innalzamento della pelle della fronte e sollevare le arcate sopraciliari. Le incisioni possono essere multiple ( circa 2cm), in mezzo ai capelli nella regione pariatale e temporale.
 
I punti di sutura verranno tolti, a partire dalla quarta fino alla quindicesima giornata a seconda del tipo di intervento. La tumefazione della regione trattata durerà un periodo che varia dai 7 ai 21 giorni circa, nel caso in cui si proceda all'esecuzione di un lifting totale.
L'obbiettivo sarà quello di ridare tensione a tessuti ceduti, senza però esagerazioni. Non più volti tirati inespressivi e finti ma volti freschi tonici e naturali.



iscrizioni
newsletter chirurgia estetica plastica italia
Iscriviti alla nostra newsletter e sarai informato sulle novità del portale.
 
newsletter chirurgia estetica plastica italia
Sei un chirurgo plastico
o un medico estetico?
Iscriviti al nostro portale!